mercoledì, marzo 07, 2007

la landa del giuoco indipendente

In questi giorni si svolgono sia il Game Developer Conference che l'Independent Games Festival (su gamasutra, gamespot troverete parecchi servizi a riguardo).
Una volta di indipendente si trovavano solo i mod. Oggi grazie anche a qualche SDK ben fatto si trovano anche piccole perle standalone.
Chi realizza questi giochi di solito non ha a disposizione workstation da migliaia di euro e di conseguenza si deve arrangiare.
Certo è che lo sviluppare un videogioco interamente da soli è un lavoro mostruosamente impegnativo. Ancora mi ricordo quando comprai Games Factory(100.000 Lire del vecchio conio) per Windows 3.1 e mi arresi dopo aver provato ad utilizzare il legnoso sistema di gestione eventi.
A fatica realizzai uno sparatutto con protagonista un sommozzatore...

Magari grazie a qualche progetto carino si riesce a trovare un lavoro presso qualche software house importante. Qualcuno tra di voi conosce ad esempio un omino che lavora su giochi come Killzone, ad esempio. E non faccio nomi (magari cognomi o nickname...)
Dell'articolo segnalato da Al'caris ho provato oltre all'ormai famoso flOw, troviamo Toribashi un beat'em'up multiplayer a turni basato sulla fisica, e And Yet it Moves.
And Yet it moves è forse il gioco più malato, il protagonista fatto di carta di strova in un labirinto fatto di pezzi di carta. Si può sia controllare l'omino sia capovolgere l'ambiente in ogni direzione per raggiungere punti inaccessibili. Un po' come in Prey con gli interruttori gravitazionali insomma.



Gametunnel recensisce indie games per tutti i gusti. Fun-motion oltre a recensire e linkare vari giochi, aggiorna anche la classifica dei più amati.
Cosa ci può essere di più cazzaro di un gioco che si chiama Ninjastarmageddon?

Una notizia che farà felice Malhavoc riguarda il Mugen (o meglio M.U.G.E.N.). Benchè il progetto Elecbyte sia morto da anni, grazie ad alcuni fan sono nati Shugendo (ex openMugen) e l'InfinityCat. Il secondo sembra che siano portabile su tutte le principali piattaforme(anche la PSP),ma soprattutto che supporti una rete per giocare. E si può giocare in 4 contro 4(2 umani e 6 bot).

1 commento:

  1. tutto ciò è interessante, vorrei approfondire ma son pigro

    RispondiElimina

Ricordatevi che i commenti vengono moderati!!!