martedì, settembre 29, 2009

I manganelli ricominciano a far palare di loro

Ecco la prima carica delle forze dell'ordine dopo l'approvazione del DDL sicurezza (Bologna 28/09/2009 - Protesta studentesca contro l'arrivo di Maroni).

video

La giustizia è ora inerme contro qualunque forma di protesta (giustificata o meno) riguardo l'aggressione della polizia contro gli studenti bolognesi.
Dopo il G8 di Genova infatti il Governo ha trovato una cura ai disagi dervanti dall'utilizzo repressivo della polizia abrogando nel DDL Sicurezza la norma che proteggeva il cittadino dagli abusi di un pubblico ufficiale.
In seguito (per chi non avesse seguito la mia segnalazione su FB di qualche settimana fa) riporto un articolo che spiega nei dettagli di ciò che sto parlando:

Con la fiducia del Senato di Lunedi' 14 settembre 2009 sul Ddl 733 B, la maggioranza che sostiene il Governo Berlusconi, ha volutamente cancellato una norma che garantiva al cittadino di tutelarsi nei casi di sopruso perpetrato da autorità pubbliche. E’ stato abrogato infatti l’art. 4 del decreto legislativo luogotenenziale n. 288 del 14 settembre 1944 che prevedeva che i cittadini sono esenti da sanzioni «quando il pubblico ufficiale o incaricato di pubblico servizio o pubblico impiegato» abbia causato la reazione dei cittadini «eccedendo con atti arbitrari i limiti delle sue attribuzioni».

L’art. 4 del decreto legislativo luogotenenziale 14 settembre 1944, n. 288 disponeva, infatti, che non si applicano le disposizioni di cui all’articolo 337 e all’articolo 339, comma 2, codice penale quando il pubblico ufficiale o l’incaricato di pubblico servizio ovvero il pubblico impiegato abbia dato causa al reato preveduto nell’articolo 337 c.p. eccedendo con atti arbitrari i limiti delle proprie attribuzioni.

Quindi se un cittadino si troverà a protestare perché lotta per il proprio posto di lavoro o per rivendicare diritti cancellati e le forze di polizia caricheranno a colpi di manganellate, l’eventuale reazione di un cittadino inerme che vorrà soltanto difendersi da un eventuale aggressione immotivata da parte delle forze dell’ordine, darà luogo inevitabilmente all’arresto e non potrà denunciare di essere stato vittima di un sopruso.

Insomma più manganellate per tutti!

Nel codice penale, infatti, alcuni articoli puniscono la resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale con pene che possono arrivare fino a 5 anni di carcere. Grazie all’articolo 4 del decreto legislativo luogotenenziale n. 288 del 14 settembre 1944 il cittadino poteva denunciare l’eventuale sopruso che aveva subito.

Una norma tutt’altro che desueta, e anzi applicata spessissimo come ad esempio dalla Corte di Cassazione nel 2005 per ritenere arbitrario il fermo per accertamenti e l’ammanettamento di una persona infondatamente sospettata d’essersi sottratta alla sorveglianza speciale, poi l’ha di nuovo applicata nel 2006, quindi l’ha trattata nel 2008, senza contare che anche la Corte Costituzionale l’ha esaminata ancora nel 2007 nell’ordinanza numero 36.

Un “piccolo dettaglio” che i principali media si sono dimenticati di citare.
E adesso cosa ci resta da fare? Quello che non avremmo mai dovuto smettere di fare: continuare ad informarci e capire quello che succede intorno a noi.

Nessun commento:

Posta un commento

Ricordatevi che i commenti vengono moderati!!!